Coliche gassose

Cosa sono e come affrontarle

di unamamma 12 dicembre 2014

In seguito alle richieste delle mie amiche mamme navigatrici, parliamo delle tanto temute coliche del lattante.

Vostro figlio sta benone, cresce bene e mangia che è una meraviglia, va tutto a gonfie vele, ma un bel giorno (anzi una sera) al posto di essere le vele a gonfiarsi si gonfia lui e lo trovate col pancino pieno d´aria! Come volete che reagisca? Inizia a piangere come un matto e voi le provate tutte senza capire bene cosa gli sia successo, finché vi viene un’illuminazione … e se fossero le famigerate “colichette“?

Piange, scalcia, si contorce, irrigidisce le gambette tirandole verso la pancia che diventa sempre più dura ed emette continui borbottii, si sveglia gridando e va avanti così fino a notte inoltrata? Cari colleghi genitori, ecco a voi le coliche! Il brutto è che arrivano proprio nell´ora in cui i genitori sono più stanchi, verso l’ora di cena, quando abbiamo già tutta la giornata alle spalle ed avremmo solo voglia di rilassarci.

Ma cosa sono le coliche gassose? Sono crisi dolorose che si manifestano ad ondate, soprattutto verso sera, con irritabilità, agitazione e grida. Iniziano verso l’età di 2-3 settimane e si risolvono entro i 3 – 4 mesi.

Quali sono le cause? Le ipotesi sono diverse e, probabilmente, collegate fra loro:

– intolleranza alimentare (allergia alle proteine del latte) o intolleranza al lattosio (lo zucchero del latte),

– immaturità gastrointestinale, aerofagia,

– tensione nel rapporto genitore-neonato: bisogna tranquillizzarsi, anche se non è certo facile riuscirci quando tuo figlio trascorre le serate piangendo; inoltre i sensi di colpa che derivano dal sentirsi inadeguati a calmarlo non aiutano affatto.

Come risolvere la situazione? Si deve riuscire a calmare il bambino consolandolo e rilassandolo, ma come? Ricordo ai miei lettori che non sono un medico, ma che, essendoci passata vi suggerisco quanto segue basandomi sulla mia esperienza diretta di mamma.

Cosa fare:

– far bere tisane a base di finocchio o simili,

– prendere il bimbo a pancia in giù facendo appoggiare la sua pancia sulla vostra mano, in modo da scaricare il peso: tenendolo in questa posizione fare movimenti verticali (su e giù) con le braccia, andare su e giù per le scale, fare piegamenti con le gambe , camminare avanti e indietro (tornerete in forma in un batter d’occhio!),

– fategli un bel massaggino sulla pancia,

– mettetelo nel marsupio, ma tenendo il marsupio orizzontale rispetto al pavimento, tenete le bretelle con le mani (sempre col bimbo con la pancia in giù) trasformandolo in una specie di altalena e dondolatelo avanti e indietro,

Cosa non fare:

– non attaccatelo al seno: al momento potrebbe calmarsi, ma è peggio perchè riparte il meccanismo della digestione e le coliche aumentano durando di più,

– non andate in montagna perchè la differenza di altezza e di pressione gonfia ancora di più la pancia

– alcuni si calmano facendo un giro in macchina, ma non date queste abitudini perchè diventerete macchina-dipendenti.

Si possono usare farmaci contro il meteorismo e farmaci anti-spastici, quando proprio non si riesce a calmarlo, ma ricordate che i risultati non sono miracolosi!

Se il bambino utilizza un latte adattato, si può provare a passare ad un latte diverso. In casi limite, è lecito provare anche un latte di soia: se funziona, in futuro occorrerà chiarire se c’è una situazione di allergia. Se invece mangia dalla mamma, non smettete di allattare! La mamma che allatta può mangiare di tutto, basta che la sua dieta sia equilibrata. Non esistono degli alimenti che diminuiscono le coliche del neonato, però la frutta fresca e i succhi di frutta hanno tendenza a favorirle. Se il loro consumo rimane moderato (un succo di frutta, un frutto al giorno) non c’è nessun problema. Il latte materno è comunque l’alimento che darà meno coliche al suo bebè. Logicamente non fumate e non bevete alcolici!

State tranquilli, le coliche si attenueranno e dopo i primi 3-4 mesi passeranno del tutto e le ricorderete solo come un brutto momento. Lo so che quando i vostri figli piangono e soffrono si sta malissimo, ma non preoccupatevi e cercate di assecondarli. Passerete magari qualche notte insonne, ma anche questo rafforza il rapporto genitori – figli!

POTREBBERO ANCHE INTERESSARVI
Commenti
(69) commenti

  1. Unamammabis

    Ciao Elisa! Che bella famiglia che hai! Jacopo è davvero piccolo e ci vuole ancora un pò di pazienza perchè si regolarizzi. Intanto dopo la poppata dovresti effettivamente tenerlo non in posizione sdraiata ma tenerlo su, almeno per mezz’ora… Poi al momento di coricarlo dovresti mettere dei cuscini in modo da tenerlo sempre quasi eretto in modo da facilitare la digestione. Il pediatra cosa dice? So che è dura anche perchè hai il maggiore che ha bisogno delle tue attenzioni…Anche i miei due figli hanno una differenza così stretta, di 14 mesi. Ti capisco quindi molto bene. Sai che cosa mi ha aiutato? Essere aiutata il più possibile. Difatti avevo con me a turno sia mia suocera sia mia mamma. Anche mio marito mi ha aiutato molto, soprattutto nel gestire la mia maggiore. Quindi non avere paura a chiedere aiuto, anzi! Un grosso bacione e quando vuoi noi siamo qua!

    6 ottobre 2010
  2. ELISA

    ciao sono unn mamma di due bimbi uno di 16mesi e l’altro di 20gg che pultroppo soffre di coliche la sera e di reflusso infatti usiamo il latte ar1. Iacopo nn dorme più di due ore e vuole stare sempre in braccio…avrei bisogno di qualche consiglio mi sembra di nn farcela…

    6 ottobre 2010
  3. Laura

    Io uso un rimedio naturale che ho acquistato in America. Si chiama Happitummi ed è composta da un cuscinetto di erbe che si scalda per 15/20 secondi nel microonde. Lo si mette nella tasca di una morbida fascia di pelouche e la si lega attorno alla pancia del neonato.
    Mattia nel giro di 5/10 minuti si calma. Credo che il caldo e le caratteristice “curative” delle erbe all’interno del cuscinetto, facciamo lo stesso effetto di un bel massaggio…. Ma io non ne sono capace!!! Non sono mai riuscita a calmarlo!!! Prima di passare a gocce o medicinali, ho voluto provare questo “rimedio” naturale from America.
    Solo dopo ho scoperto che lo vendono anche in Italia.

    2 aprile 2010
  4. Unamammabis

    Ciao Ilaria e benvenuta! Mi sento di dire che le coliche di tuo figlio forse sono dovute a delle intolleranze alimentari. Il tuo pediatra che cosa ne dice?

    12 settembre 2009
  5. ilaria

    come mai mio figlio ha 2 anni e mezzo e soffre ancora di coliche?

    12 settembre 2009
  6. Unamammabis

    Benvenuto Andrea ed auguri per la piccola| La mia primogenita ha sofferto di colichette e, purtroppo, non c’é molto da fare come rimedio, se non armarsi di santa pazienza ed aspettare che passino.. Io mi alternavo molto con mio marito nel farle trovare la posizione più adatta, difatti quella sua preferita era la cosiddetta posizione della “scimmmietta sul ramo” e dondolarla così, cioè a pancia in giù sul proprio braccio! Provala! Ciao

    27 luglio 2009
  7. unamamma

    Andrea, resistete!!! Le coliche non devono per forza durare 4 mesi, potrebbero, ma a volte durano solo qualche settimana, cerchiamo di essere positivi!! Un abbraccio a tutti e tre.

    27 luglio 2009
  8. andrea fi

    sono il babbo di alessia nata 14gg fa’. Da quando prende il latte (humana1) ogni volta una colica.
    iniziano la sera dopo le 21 fino alle 24,00 e piu’. stiamo provando tuuto dai fermenti alle goccioline al biberon diverso ma nulla. L’unica cosA che la fa stare meglio e’ il sondino e il massaggio al pancino in snso orario attorno all’ombellico.
    solo che se deve durare altri 4 mesi questa cosa mi sa’ che impazzira’ mia moglie e pure io!!!!!

    26 luglio 2009
  9. rosa

    la mia bimba ha 6 mesi ora mai compiuti,ma soffre anora di colichette
    dovrei preoccuparmi??e se fosse qualcosaltro??

    23 aprile 2009
  10. unamamma

    Ciao Raffaele, purtroppo è brutto a dirsi, ma si va a tentativi!! Qualche bambino ha meno coliche con un farmaco e qualcun’altro reagisce meglio ad altri composti!
    Vedrai che le coliche passano in fretta, lo so che noi genitori a vedere i nostri piccoli che soffrono stiamo ancora peggio, ma l’importante è tutto l’affetto che diamo loro in questo momento!!! Tieni duro!!!!

    6 aprile 2009
  11. raffaele

    Sono il papà di Gianpiero, nato da dieci giorni, ed anch’io ho dovuto fare i conti con le coliche gassose! Mi è stato consigliato il colinox gocce(da nessuno usato da quanto ho letto)e poi la tachipirina gocce(idem come prima)ma niente da fare: le colichette non accennano a diminuire! Da quanto letto l’alginor non è proprio efficace, però si potrebbe tentare; oppure provare con reuflor gocce? Grazie

    5 aprile 2009
  12. anna79

    ciao.io sono rumena e da poco ho partorito 45gg il mio secondo figlio.dopo una setimana aveva gia le coliche.ma stavolta sapevo a cosa aspetarmi.la prima figlia2ani e 5mesi le ha avute e ha urlato giorno e note per tre mesi.a tre mesi gli sonno pasate ma fino a 1anno e mezzo non a mai dormito la notte.adeso il picolino e piu bravo rispeto alla prima figlia.lunica cosa che lo calma e la teta e poi gli do COLIMILMILTE e un alto sciroppo ACTENACOL e sembra che va un po meglio(tuto omeopatico)non fano miracoli ma aiutano molto.bisona cercare di calmare il suo pianto,senza inervizirsi o preocuparsi dei altri componenti de la famiglia o dei vicini.io poi sono da sola con tuttidue 24su 24 365 giorni al anno.pero mi ritengo fortunata ho due bimbi belli e sani.fosero sollo le coliche le loro malatie.forza.scuzatemi la scritura pero non so scrivere tanto bene il italiano.imparero com gli miei picoli condo andrano a scola.un bacio

    25 agosto 2008
  13. alessandro

    ciao a tutti/e io sono un papà di una bellissima bimba di nome Sara da due settimane, e anche lei comincia ad avere le colichette. La mamma e chiaramente io (quando sono a casa) la consoliamo sempre. Mi viene da piangere insieme a lei quando ha le crisi, ma sò che non posso fare nulla per lei. Vi capisco ma tenete duro. Con affetto un papà

    23 aprile 2008
  14. Chiara

    Sono mamma di una bimba di 2 mesi e mezzo. La mia cucciolotta ha sofferto quasi da subito di colichette, ora va un po’ meglio però si è aggiunto un altro problema: non riesce ad evacuare da sola anche se prova a sforzarsi; quando la stimolo fa molta cacca abbastanza fluida. La pediatra mi ha detto che non è stitichezza ma un fenomeno passeggero dovuto allo sviluppo di alcuni muscoli dell’intestino. Qualcuno di voi ha affrontato lo stesso problema o ne sa qualcosa? Ciao Chiara!

    15 aprile 2008
  15. unamamma

    Ciao Cristina, ti capisco. Cosa dice il pediatra?? Tieni duro, pensa che anche lui non si divertirà granchè durante le coliche!! Coccolatelo per benino e leggi anche gli altri post sulle coliche. Baci. Una Mamma

    14 aprile 2008
  16. cristina

    Ciao a tutte,sono la mamy di Federico di 5 mesi,non ne posso piu’…soffre di coliche tutto il giorno…pesa otto kg e mi sta prosciugando!!!! Gli sto dando Kolikind e quando la situazione peggiora Alginor ma non vedo nessun miglioramento…. non dorme mai piu’di due ore consecutive….aiuto…meno male che e’ bellissimooooo

    12 aprile 2008
  17. unamamma

    Ciao Katiuscia, puoi provare a sostituire la poppata con la tisana, ma se si tratta di fame vera e propria vedrai che la tua bimba tornerà “all’attacco” e dovrai darle il latte. Usa il mylicon secondo le istruzioni ed i consigli del tuo pediatra, ma non sperare che faccia dei miracoli! Segui le dritte dei post pubblicati “W i fermenti lattici contro le colichette!?!” e “10 rimedi salutari in caso di coliche del neonato + 1” e fammi sapere. A presto. Una Mamma

    31 marzo 2008
  18. katiuscia

    sono la mamma di viola di un mese e mezzo e gia da un paio di notti abiamo fatto la spiacevole conoscenza delle famose colichette la allatto artificialmente e vorrei capire come e quando utilizzare il mylicon e se posso sostituire la poppata della notte con della tisana al finocchio.grazie in anticipo.

    30 marzo 2008
  19. laura

    ambra e’ nata il 9 febbraio la allatto con la formula e ha iniziato praticamente subito ad avere le famigerate colichine serali che pultroppo durano fino a tarda notte con me che passeggio avanti e indietro per tutta casa tentando tutte le posizioni possibili per calmarla ……speriamo che passino!!!!!!!

    5 marzo 2008
  20. unamamma

    Ciao Vittoria, ti capisco benissimo! Hai letto anche il nostro post “10 rimedi salutari + 1 in caso di coliche del neonato”? Spero possa esserti di aiuto! Magari con lo svezzamento, cambiando l’alimentazione, le coliche se ne andranno più facilmente, cosa ti ha detto a questo proposito il pediatra? Un abbraccio. Una mamma

    16 febbraio 2008
  21. vittoria

    salve sono la mamma di Samuele di 5 mesi e proprio ieri ho fatto l’ennesima visita per sentirmi dire di avere tanta pazienza che le coliche spariranno. ora dopo tanti rimedi l’unico che lo calma è l’alginor che fortunatamente gli dò solo da qualche gg, primo usavo il sondino e altri pagliativi.è peggiorata la situazione da circa un mese rispetto i primi mesi. la pancia brontola come una pentola in ebollizione e fa tanta aria ma si vede che non è sufficiente. mi faccio coraggio ma sono molto avvilita non riesco a vedere la fine di questo malessere.
    saluti vittoria da ferrara

    14 febbraio 2008
  22. unamamma bis

    Susy, anch’io avevo avuto pareri contrari per l’uso dell’Alginor! In effetti a volte bisognerebbe procedere con metodi assolutamente “naturali” come il massaggio, tisane al finocchietto ed armarsi di tanta pazienza (ved. il post sui “10 rimedi salutari + 1 in caso di coliche del neonato”).
    A presto ed auguri! Ciaooo

    10 febbraio 2008
  23. SUSY

    SONO LA MAMMA DI GIADA UN ANGELO DI 42 GIORNI E ANCHE LEI STA SOFFRENDO DI COLICHETTE.
    LA MIA PEDIATRA MI HA VIETATO DI USARE LE GOCCE DI ALGINOR IN QUANTO E UN FARMACO CON PRINCIPIO ATTIVO DI “BROMURO” CHE STONA IL NEONATO E ARRECA MOLTA SONNOLENZA.
    L’UNICO RIMEDIO E DI METTERLI CON IL PANCINO RIVOLTO IN GIU ED AVERE TANTA PAZIENZA…..SPERIMO PASSINO IN FRETTA.
    CIAO A TUTTE LE MAMME

    9 febbraio 2008
  24. Eszter

    Cari consorti italiani!Io sono ungherese con un bambino di 3 mesi e una settimana che ha le coliche. Le coliche attaccano anche i bambini ungheresi, e come!:)Io ho giá provato tutte le medicine che si usano da noi per es. Gripe Water, Infacol (quest ultimo credo che si possa comprare anche da voi) a molti bambini aiutano questi sciroppi ma a tanti altri no. Parlando l italiano ero curiosa se da voi esiste qualche soluzione… Mio figlio soffre quasi sempre di questi attacchi, e la mia esperienza personale é uguale a quella di “una mamma”, perché piú lo allatto, piú gas inghiotte e la situazione peggiora. Tra le mille cose che ho provate, quelle che hanno servito di piú:la sondina, i massaggi e tenerlo in braccio con la pancia sotto , camminando cosí parlargli, fargli vedere la camera…Qui si dicono che normalmente le coliche durano 6 settimana(era la nostra prima speranza), poi abbiamo sentito che nella maggior parte dei casi si risolve dopo 3 mesi, ma ora che lui ha passato pure i mesi e non é cambiato niente, sono disperata. E sempre piú volte leggo o sento che puó durare addirittura un anno. Se almeno sapessi esattamente quanto durerá, ci resisterei molto piú facilmente, ma sperare poi deludersi é tremendo. Ora sto provando dargli chamomilla ch15 che é una cosa omeopatica…

    3 novembre 2007
  25. maila

    ciao a tutte, leggendo i vostri commenti mi sono un pò tranquillizzata.Anche io questa notte l’ho passata in bianco perchè il mio cucciolo di nome Matteo(due mesi)ha pianto con disperazione tutta la notte per queste famigerate colichette.ho provato a fare di tutto ma non c’è stato niente da fare,fino a dieci minuti fa,si è addormentato per la disperazione.un saluto a tutte.forza e coraggio..i momentibrutti si scordano e quelli belli rimarranno..

    28 ottobre 2007
  26. una mamma

    Caro Davide, non sono mai arrivata ad usare il sondino, forse anche perchè le mie figlie non hanno mai avuto coliche terribili, ma so che c’è chi lo usa ed i loro figli sono sopravvissuti!! Io facevo flettere bene le gambine al petto per schiacciare un po’ la pancia e favorire la fuoriuscita dell’aria, oltre a dei bei massaggini sul pancino e, in casi limite, qualche goccina di Alginor! Vedrai che passano presto, in bocca al lupo! Una mamma

    15 settembre 2007
  27. davide

    ciao a tutti, sono Davide, papà di Carlo nato il 12 agosto 2007… Aiuto aiuto aiuto sono arrivate questa notte le famigerate coliche…gli abbiamo già dato le goccette…speriamo bene…ci consigliano anche di utilizzare la sondina nel culetto, ma a me fa una pena enorme…che ne pensate??

    29 agosto 2007
  28. laura

    per antonella vorrei sapere come si chiama lo sciroppo perchè anche la mia bambina che ha solo 3 settimane ha le coliche purtroppo non ho più il latte e devo dargli quello artificiale domani chiamerò la pediatra non so se passare ad un altro latte potrà risolvere il problema grazie comunque

    12 agosto 2007
  29. una mamma

    Caro Luigi e care amiche navigatrici, eccomi qui alla seconda esperienza in quanto mamma: anche la mia bimba ha 20 giorni e vi assicuro che dopo tutti i vostri consigli e dopo aver fatto tesoro delle vostre esperienze mi sto comportando in modo diverso rispetto alla mia primogenita (che ha 3 anni). A parte il fatto che fortunatamente la mia neonata non ha problemi di rigurgito e potremmo anche regalare tutti i bavaglini che ho in casa, però le coliche le sono venute già da qualche giorno, mentre all’altra erano arrivate solo al 3° mese. Oggi le ho dato 10 gocce di Alginor sperando nel miracolo ed in effetti a qualcosa è servito! Il pediatra mi ha detto di darne 10 (la mia pesa 3,800 kg) tre volte al giorno. Inoltre mi bevo un litro di tisana al finocchio al giorno che le passo attraverso il mio latte. Ma la cosa più strana è che lei passa il suo tempo – tra una poppata e l’altra (soprattutto di notte) – a spingere, facendo i versi più strani, mai sentiti prima d’ora. Sembra che debba far uscire da quel sederino chissà che cosa … per concludersi in “tanto fumo e poco arrosto”! Un abbraccio a tutti. Una mamma

    28 maggio 2007
  30. luigi

    Buonasera, ne approfitto per chiedere aiuto a qualcuno che ne sa più di me e mia moglie in merito alle famose coliche del neonato.
    Il nostro bambino ha 18 giorni di vita e da circa tre giorni abbiamo avuto il dispiacere di fare conoscenza con queste disgraziate coliche gassose.
    Il nostro quesito che vogliamo porgere a qualche gentile genitore che vuole aiutarci è questo:
    Dato che ci siamo accorti che con le gocce di ALGINOR sembra che il problema si attenua almeno in parte, ci interessa sapere se possiamo ripetere dopo qualche ora il trattamento con queste ALGINOR e quante gocce possiamo somministrare al nostro bimbo ogni volta e per quanti giorni visto che siamo ancora all’inizio?
    Vi ringrazio anticipatamente a tutti.
    Aimè quanto era bello il letto della mamma mia.

    27 maggio 2007
  31. u2lorri

    Ciao. Siamo genitori per la terza volta (AURORA) e sinceramente il problema delle coliche pensavamo di averlo dimenticato dopo la prima figlia (LETIZIA): invece no. Aurora ha 11 giorni e, pensiamo, che ne soffra gia’ abbondantemente !! Cosa dire… cerchiamo per quanto possibile di non ri-attaccarla al seno immediatamente, anche se sembra essere l’unico modo per calmarla…infatti fatica anche a tenere il ciucetto…Solitamente ne soffre di piu’ alla sera e alla notte..Speriamo solo che tutto passi presto …. ciao e forza e coraggio..

    6 maggio 2007
  32. una mamma

    Cari Alessandro e Gianina,
    spero che il vostro metodo continui a funzionare! Mia figlia non si è mai dimenata mentre mangiava, ma il singhiozzo lo ha sempre avuto (e lo ha tutt’ora) e non saprei come fare a limitarlo. Pensate che a lei il singhiozzo viene se ride, quindi non posso farla ridere troppo se no le viene ed è fastidiosissimo…!! Accidenti! A presto. Un abbraccio da Una mamma

    23 aprile 2007
  33. alessandro e gianina

    ciao a tutti abbiamo una bimba di 22 giorni di nome giorgia. per ora crediamo che le coliche siano arrivate e per far evitare questi sintomi cosa si deve fare? noi personalmente come mamma e papà abbiamo adottato un sistema che forse per ora è il migliore. . sarebbe di distrarla un po ponendola con la pancia in giù e parlare e se si può dire giocherellare…nel frattempo escono le puzzette e poi si rimette a dormire.
    ma una cosa vorrei sapere capita anche a voi che mangia in maniera ingorda e poi vi capita che mentre mangia si dimena e si agita in maniera assidua?
    e quale sarebbe questo motivo?inoltre come si può evitare i singhiozzi dopo la poppata?
    alessandro

    22 aprile 2007
  34. ROBERTO

    stiamo leggendo questi commenti quando la nostra giorgia di 3 settimane sta piangendo forse a causa di queste coliche gassose…i sintomi sembrano quelli….abbiamo iniziato con il sondino ….speriamo le dia sollievo….sono le ore 00.59…domani devo montare alle sei in ospedale….vorremmo dormire ma nn possiamo …..giorgia ha bisogno di noi…passera’ presto amore mio…mannaggia a ste coliche…..buona notte a chi puo dormire 🙂

    22 aprile 2007
  35. antonella

    Ciao a tutte, ho un bimbo di 4 mesi e mezzo che ha sofferto molto di coliche fino a 2 mesi poi continuava a non dormire bene, a piangere all’improvviso e a non voler stare da nessuna parte tanto che non potevo piu’ uscire xchè piangeva come un disperato sia in macchina che x srada. Dopo l’ennesima tragica uscita di domenica ho parlato con la pediatra che mi ha dato uno sciroppo che gli sto dando x 3 volte al giorno. Vi assicuro che va molto meglio, il suo sembra fosse un problema di digestione (è molto vorace) ma da quando gli do lo sciroppo (4 giorni) è molto più tranquillo, dorme di piu e a me sembra un altro bambino. Non so se ho risolto il problema ma vi assicuro che mi sembra di essere rinata. Ciao Antonella

    20 aprile 2007
  36. annalisa

    Cara Lucia che consoloazione leggere il tuo messaggio. Noi siamo in ballo da 9 mesi tra coliche e reflusso. Un gastroentorologo contattato di recente ipotizza che ci possa essere una allergia in ballo e quindi prossimamente faremo i controlli. Non di sentire inadeguata, sonocerta che ora riesci a essere amorevole e presente con tuo figlio più di prima. Ti capisco, non mollare!!!

    18 aprile 2007
  37. laura e chiara di 8 mesi

    E’la prima volta che partecipo ad una discussione via mail ma mi sono sentita presa in causa riguardo al problema delle coliche.La mia Chiara aveva iniziato a soffrirne ma sono corsa ai ripari dopo le prime due notti tragiche. Innanzitutto sconsiglio vivamente di massaggiare il pancino durante l’attacco di colica perchè si va solo a peggiorare la situazione. le coliche in realtà non sono altro che un accumulo d’aria di tutto il giorno che alla fine della giornata provoca dei dolori. Quindi eliminandola un po’ alla volta durante la giornata, magari quando cambiate il pannolino, vi troverete alla sera che il problema è pressochè eliminato. Per eliminarla, allora sì, vanno bene i massaggi da fare dall’alto della pancia verso il basso e in senso orario come una ruota.Vanno alternati e fra l’uno e l’altro premere le gambe del bambino sulla pancia stessa in modo da facilitare lo scarico dell’aria. In questo modo si arriva alla sera che la pancia non è gonfia e se è un pò fastidioso basta tenerlo a pancia in giù con una mano fissa sulla pancia.Con la mia Chiara non abbiamo più passato neppure una notte in bianco e si è risolto tutto in fretta. Auguri a tutte!!!

    17 aprile 2007
  38. Elena

    ho trovato questo articolo a proposito di quanto dicevo sulle tisane:
    http://www.uppa.it/uppa/article/107

    I neonati hanno sete?
    Acqua minerale, bevande e infusi che non servono a niente

    Che il bambino piccolo abbia bisogno di molta acqua è vero, anzi… verissimo! Ma la natura ci aveva già pensato: del resto ha avuto milioni di anni di tempo per decidere quale fosse la giusta formula di latte da offrire al cucciolo della specie umana. Il latte materno, infatti, contiene esattamente la quantità di acqua necessaria al bambino: l´88% circa del latte è rappresentato da acqua. La composizione del latte materno espressa in percentuale è: carboidrati (zuccheri) 7 per cento, grassi 4, proteine 0,8, sali minerali 0,2, acqua 88,0 per cento. Quindi il bambino allattato al seno non ha alcun bisogno di bere acqua oltre a quella che assume poppando. Fanno eccezione solo le situazioni in cui è presente una condizione straordinaria di consumo o di perdita di acqua, come può accadere se il bambino vomita, ha la febbre o la diarrea. Inutile e dannoso anche offrire al bambino bevande di vario tipo (tisane, infusi e altro), sia perché interferiscono con la regolarità del ritmo fame–sazietà (legato in parte proprio alla dilatazione dello stomaco, che si riempie anche soltanto di acqua), sia perché gli si fanno assumere sostanze non previste nella naturale millenaria alimentazione del neonato e potenzialmente dannose. Ricordate però che chi tenta di sfuggire alla medicalizzazione esasperata può commettere degli errori: per esempio, un “ritorno alla naturalità” può essere confuso con il ritorno a pratiche terapeutiche proprie della tradizione popolare e solo apparentemente più “dolci”. Insomma, dare al neonatoa infusi di finocchio per curare le cosiddette coliche d´aria è poco rispettoso della sua naturale biologia alimentare!

    ciao! Elena

    30 marzo 2007
  39. elena

    Complimenti alla neo mamma!
    Sono convinta che sei proallattamento!
    La mia esperienza è simile alla tua nel senso che anche a me in ospedale avevano detto di allattare a richiesta, ma ogni due ore per permettere allo stomaco di svuotarsi. Io sono andata avanti non so quanti mesi a cercare una regolarità nelle poppate di mia figlia, segnandomi ogni volta che poppava. E´ stato molto ansiogeno per il rapporto con la bimba. Per fortuna poi ho letto i libri de La leche league e ho cominciato a dare il latte alla bimba ogni volta che aveva fame o aveva bisogno di un contatto con me. Alla fine è sempre andata avanti nell´anarchia più totale come orari delle poppate, ed ora è una bimba serena e gioiosa a quasi 20 mesi. Ma mi chiedo: che allattamento a richiesta sarebbe se bisogna allattare ogni due ore? Allora chiamiamolo ancora ad orario, no?
    Io credo che siano consigli poco chiari a far fallire tante madri nell´allattamento, tanti falsi miti che vanno sfatati. Se mi avessero istillato il dubbio che il mio latte faceva venire le coliche alla mia bimba, credo che avrei compromesso gravemente il mio allattamento. Se avessi avuto il dubbio di farle del male allattandola quando credevo avesse le coliche, non oso pensare come sarebbe andata! e a due mesi non è facile interpretare il pianto dei bambini: io avevo spesso il dubbio che avesse mal di pancia, anche di giorno.
    Altra cosa: durante i primissimi mesi le tisane sono sconsigliate, anche queste interferiscono negativamente con l´allattamento e non è stato dimostrato che facciano meglio del latte materno, anzi siccome riempiono la pancia del bimbo, lo saziano senza nutrirlo e fanno produrre meno latte alla mamma. Il latte della mamma si regola a seconda della richiesta del bimbo, ma se al bimbo diamo il biberon con acqua sporca, il seno della mamma non è stimolato a produrre più latte, anzi di meno, pensa che disastro per una mamma stressata che potrebbe avere poco latte ( e quante ce ne sono!) . Sappiamo che la produzione di latte è legata all´umore, un evento stressante può interferire gravemente con la produzione di latte. Il latte materno è perfetto a livello nutrizionale per il bimbo ed è calibrato alle sue esigenze dopo milioni e milioni di anni di evoluzione. Non è pensabile che la natura abbia creato un latte che fa venire mal di pancia al lattante! Le mamme dovrebbero essere tranquillizzate su queste cose, non infarcite di informazioni non veritiere.
    Sono d´accordo poi che il pianto del bimbo va interpretato, non sempre piange perché ha fame, ma sappiamo anche che il latte materno ha sì una funzione nutritiva, ma anche una funzione affettiva e di protezione del sistema immunitario. A volte è difficile distinguere se un bimbo piange per fame o perché desidera un contatto con la mamma o altro (può avere sonno, bisogno di cambiare posizione, …) , ma pensiamoci bene: quando sono piccoli, una coccola in più fa davvero così male?
    Ciao e auguri ancora per la tua gravidanza! E.

    19 marzo 2007
  40. sara

    Cara Una mamma,
    e’ proprio l’allattamento ad orario il peggior amico di mamme e bambini!!! Scusami la franchezza, ma la tua ostetrica non ti ha passato un’informazione corretta!
    Allora, il latte di mamma e’ estremamente digeribile, e’ fatto in modo da essere assimilato cosi’ velocemente che la frequenza normale di poppate in un bambino e’ ogni ora e mezza – due ore. Ma e’ normalissimo attaccarsi al seno ogni ora o anche prima. Il bambino puo’ non essersi saziato, puo’ aver bisogno solo di bere (e quindi assume solo il primo latte, piu’ acquoso e zuccherino, mentre il secondo e’ piu’ grasso e “pesante”) oppure puo’ aver bisogno di una piccola coccola. E perche’ negare il seno per coccola? Sono d’accordo che bisogna anche differenziare, ma all’inizio coccola e seno sono un tutt’uno, ci sara’ tempo per imparare a risponedere in modo diverso a seconda delle esigenze. Tu dici che la tua bambina rigurgitava, probabilemnte soffriva di un piccolo reflusso. In questi casi e’ consigliabile allattare il bambino molto spesso (in modo tale da non riempire troppo lo stomaco… a proposito, sai quanto e’ grande lo stomaco di un bambino? come il suo pugno chiuso! questo ti da’ l’idea di quanto si possa riempire!!) e tenerlo in posizione verticale (io consiglio vivamente la fascia) Puo’ essere anche utile fare due poppate dallo stesso seno in modo che il bambino prenda il secondo latte, piu’ grasso e pesante e quindi rigurgiti meno.
    Per i problemi di allattamento esiste la Leche Legue (lega per l’allattamento materno) un’associazione di mamme estremamente competenti che aiutano altre mamme ad allattare con serenità.
    Ciao e auguri per la nuova nascita!!
    sara

    19 marzo 2007
  41. una mamma

    Cara Elena, io sono assolutamento pro-allattamento! Però ci sono delle mamme che attaccano il bimbo al seno fin troppo spesso, solo per farlo smettere di piangere e non per fame, in assenza di coliche, e poi si lamentano perchè non riescono a dare un orario alle poppate. La mia ostetrica mi ha insegnato a dare il latte ogni “TOT” ore e, nel caso di mia figlia, ho anche provato a darlo più spesso in caso di coliche, ma aveva problemi di rigurgito e dopo ogni poppata ci metteva almeno 2 ore a farselo “andare giù”. Comunque, ognuno è un caso a sé ed in effetti ogni consiglio va valutato bene, ma tra meno di due mesi sarò di nuovo mamma ed utilizzerò le tecniche che sono state consigliate da altre mamme perchè non si sa mai abbastanza sull’argomento! Quindi ti saprò dire questa volta com’è andata!! Un abbraccio. Una mamma

    17 marzo 2007
  42. Elena

    cara Unamamma,
    certo è giusto che ognuno porti la propria esperienza, ma se si scrive un articolo su un blog frequentato come questo si ha una certa responsabilità, io credo.
    dare un consiglio così potrebbe essere estremamente dannoso per una mamma che abbia per esempio un allattamento al seno difficile, e sappiamo bene quanto sia difficile portare aventi un allattamento oggi.
    Allatta al seno fino a 6 mesi il 30% delle mamme, quando l’OMS raccomanderebbe una percentuale del 100%.
    Non ho nessun interesse a scrivere qui, sono mamma e faccio tutt’altro lavoro, però queste cose mi fanno male perchè vedo che sempre più spesso ci sono grossi pregiudizi sull’allattamento, che è importantissimo per un bambino.
    Grazie della tua risposta, ma per favore un occhio in più a consigli che potrebbero essere disastrosi per una mamma alle prime armi come sono stata io.
    Un saluto Elena

    17 marzo 2007
  43. una mamma

    Cara Elena, ognuno su questo sito è libero di dire la sua com’è libero di dissentire da quello che hanno detto gli altri. Io per prima porto in rete la mia esperienza personale, senza dire che la si debba seguire come “oro colato”, cosa che non credo avvenga!! Visto che, anzi, consiglio sempre ad ogni mamma di non seguire neppure alla lettera i propri pediatri, visto che siamo noi a conoscere meglio di tutti come sono fatti i nostri bambini e quali siano le loro esigenze. Sono d’accordo con te per quanto riguarda il contatto fisico, ma per quanto riguarda l’attaccare al seno ad ogni richiesta no, però – ripeto, come ho scritto nell’articolo – “Ricordo ai miei lettori che non sono un medico, ma che, essendoci passata vi suggerisco quanto segue basandomi sulla mia esperienza diretta di mamma.” e per mia figlia l’attaccamento al seno dava risultati opposti. Grazie comunque dell’attenzione con cui segui il sito e di dare i tuoi consigli ed i tuoi suggerimenti alla conoscenza di tutte le mamme. A presto. Una mamma

    16 marzo 2007
  44. elena dal prà

    cara Unamamma,
    ho letto solo l’introduzione, non i commenti.
    Devo dissentire: innanzitutto le coliche possono iniziare dalla prima o seconda settimana di vita e si protraggono in genere per 3 settimane. La fonte è il mio pediatra, persona informatissima. Quindi durano relativamente poco, se si protraggono bisognerà rivolgersi al pediatra.
    Ma poi mi è saltata all’occhio un’altra cosa: come mai dici che non bisogna attaccare il bambino al seno se ha le coliche? E’ strano perchè questa cosa non l’ho mai letta in nessun buon libro che parli di puericultura, al contrario si dice di solito di offrire il massimo contatto fisico al bimbo (ok marsupio quindi) per consolarlo. Sembra infatti che le coliche siano una specie di crisi di astinenza da endorfine e il contatto fisico e quello pelle a pelle stimola le endorfine. Quindi sì coccole, sì in braccio, sì marsupio e sì allattamento al seno, il miglior toccasana.
    Questo lo dico sia perchè me lo ha consigliato il mio pediatra sia per esperienza personale. La mia bimba infatti si calmava dalle colichette solo dopo avere fatto una bella poppata, poi si addormentava tranquilla.
    Un saluto
    Elena

    16 marzo 2007
  45. Lucia

    Ciao, sono la mamma di un bimbo di 14 mesi, Milo, e sono reduce dall’ennesima notte insonne. Il mio piccolo ha avuto le classiche coliche fino a circa 3 mesi, ma poi il suo sonno notturno non si è mai rasserenato, nonostante tutte le medicine provate, continua a lamentarsi ogni mezz’ora, chiede il biberon con l’acqua per riuscire a scaricare il gas e, per tornare al lavoro dopo i nove mesi ho dovuto assumere una ragazza che lo assiste di notte. Prima l’insonnia mi stava facendo andare in depressione ma ora ci sono i sensi di colpa per non sopportare più la situazione e il timore che si abitui così. I gastroenterologi pediatrici (prestigiosi) che ho contattato mi dicono che non c’è nessun esame da fare al mio bimbo e ci sono coliche che durano oltre l’anno. Qualcuna di voi ha avuto esperienze simili?

    16 marzo 2007
  46. sara

    Ciao, ho letto i consigli su come affrontare le coliche e vorrei fare una precisazione. I bambini vanno allattati se lo richiedono durante una crisi, la suzione stimola il riflesso gastro colico ed aiuta a liberare il pancino. Inoltre e’ provato che i bambini che vengono portati molto in braccio (con un marsupio o meglio con una fascia durante la giornata, anche quando sono sereni) tendono a soffrire meno di coliche proprio perche’ il movimento li rilassa e SOPRATTUTTO NON SI VIZIANO, anzi, caso mai crescono piu’ sereni.
    Se il bambino e’ allattato al seno e’ meglio NON DARE MAI ne’ acqua ne’ tisane ne’ niente perche’ si potrebbe interferire con la produzione di latte e compromettere l’allattamento al seno. In questi casi e’ meglio attacare il bambino il piu’ spesso possibile. Soprattutto se alle coliche si accompagna il reflusso e’ importante fare pasti brevi e frequenti e tenere il bambino in verticale dopo i pasti, aiutandosi con una fascia o un masrupio. La causa scatenante delle coliche in realta’ NON e’ nota, per capire se il bambino ha le coliche il famoso pediatra W. Sears suggerisce la regola del tre: per 3 ore al giorno, per almeno 3 volte a settimana, per almeno 3 mesi ed è un pianto inconsolabile. I bambini piangono per i motivi piu’ diversi, ma se si consolano quando sono in braccio forse e’ proprio di quello che avevano BISOGNO.
    Ciao,
    Sara

    14 marzo 2007
  47. emma

    la mia pediatra e al corso pre parto mi hanno detto che le tisane le dovevo bere io e che i massaggini vanno fatti in senso orario intorno all’ombellico x aiutare meglio l’intestino ma mia figlia non ha mai avuto una colica dorme tutta la notte e non fa capricci con la pappe mi ritengo fortunata

    1 febbraio 2007
  48. una mamma

    Ciao a tutte, ho anche io un bimbo di 1 mese che soffre di coliche. Sento sempre dire che le coliche vengono nel pomeriggio per poi durare fino alla sera, ma a lui capita di averle anche la mattina. E’ normale? E’ capitato anche a Voi?

    8 gennaio 2007
  49. serena

    CARA ANTONELLA,SONO SERENA,MAMMA DEL PRIMO FIGLIO E X CIO’ CON SOLTANTO UN ESPERIENZA.E’STATO DURO IL PERIODO DELLE COLICHE DEL MIO ANDREA(VEDI ALTRE E-MAIL)MA FINALMENTE E’ GIA’ UN BRUTTO RICORDO!NON DEVE ESSERE FACILE X TE CHE SOPRATTUTTO HAI UN ALTRO FIGLIO,IO CREDEVO DI IMPAZZIRE E IL TEMPO NON PASSAVA MAI MA VOLEVO DIRTI CHE HO SEMPRE CONSOLATO IL MIO BAMBINO TRA LE MIE BRACCIA,NON POTEVO VEDERLO SOFFRIRE E NON FARGLI SENTIRE LA MIA VICINANZA,IL CONTATTO CON ME!MIO FIGLIO ADESSO HA 4MESI E MEZZO E FINO A 3 MESI E’ STATO MALISSIMO X LE COLICHE,DOPODICHE’ SONO SEMPRE DI PIU’ ANDATE DIRADANDOSI FINCHE’ A 3MESI E MEZZO SONO SPARITE DEL TUTTO,EPPURE PUR ESSENDO STATO SEMPRE IN COLLO ADESSO(QUANDO NON DORME NEL SUO LETTINO)PASSA LA MAGGIOR PARTE DEL SUO TEMPO NELLA AMACA.CERTO VUOLE ATTENZIONI COMUNQUE,HA BISOGNO DI VEDERE NELLA STANZA QUALCUNO CON LUI MA IO RIESCO COMUNQUE A FARE LE MIE COSE NON DOVENDO TENERLO SEMPRE IN COLLO!FORSE SONO TROPPO GIOVANE X DARE CONSIGLI MA RICORDO QUALI ERANO LE MIE PAURE DI QUEL PERIODO,CHE POI SONO LE PAURE DI TUTTE LE MAMME CHE PECCANO DI ANSIA PER L’INSICUREZZA CHE HANNO!QUESTO SIGNIFICA X ME LA DIMOSTRAZIONE DI TANTO AMORE CHE CI TRAVOLGE TOGLIENDOCI IL TERRENO SOTTO I PIEDI ALLA MINIMA DIFFICOLTA’.X QUELLO CHE PUO’ VALERE IL MIO CONSIGLIO TI DICO:PRENDI PURE TUO FIGLIO TRA LE BRACCIA E CONSOLALO COSI’ QUANDO STA’ MALE,DI PIU’ SI PUO’ FAR POCO MA E’ COMUNQUE TANTO X LORO E LO SARA’ ANCHE X TE!QUANDO QUESTO PERIODO SARA’ SOLO UN BRUTTO RICORDO SAPRAI DI AVER FATTO DEL TUO MEGLIO E VEDRAI CHE TUO FIGLIO NON SI SARA’ VIZIATO COME CREDI,FACILMENTE SUI 3 O 4 MESI COMINCERA’ A STIMOLARSI ANCHE CON I PRIMI GIOCHINI E A SENTIRSI SICURO SOLO CON LA TUA PRESENZA CONSAPEVOLE GIA’ COSI’ PICCINO CHE LE TUE BRACCIA SARANNO SEMPRE PRONTE QUANDO REALMENTE HA BISOGNO MA ADESSO L’UNICO MODO X LUI E’ SENTIRE IL CONTATTO CON TE.VEDRAI CHE PASSERA’ PRESTO,FAI CIO’ CHE SENTI!BACI,SERENA

    7 gennaio 2007
  50. antonella

    Sono la mamma di 2 bambini di nome Lorenzo di 8 anni e Leonardo di 25 giorni. Non volevo fare il secondo figlio xchè con il primo ho avuto una forte depressione proprio a causa delle coliche di mio figlio. Poi mi sono convinta e adesso mi trovo di nuovo nella stessa condizione di prima. Mio figlio ha le coliche a volte anche di mattina e a me sembra di rivivere un incubo. Oltretutto mi faccio mille problemi perchè ho paura che stando sempre in braccio Leonardo si vizzi e io non riesco più a fare nulla con l’altro. Vi prego convincetemi che nonè cosi che si viziano e che hanno bisogno solo di coccole!!! Ho dimenticato tutto del primo figlio!

    2 gennaio 2007
  51. simona

    Ciao! Sono mamma di due bimbe.
    La prima che ha quasi cinque anni ha avuto un allattamento misto e di coliche ne ha avute solo due.
    La piccola, che fa tre settimane domani, l’allatto al seno e purtroppo ha tante colichette. Devo ancora provare il mylicon, ma il resto l’ho provato tutto. Ho anche eliminato bevande gassate, fritti, agrumi, formaggi (mi manca solo il latte), cioccolata e il caffè lo bevo solo d’orzo! Ma niente! Quando la vedo così sofferente, mi consola solo il fatto che passeranno, ma al momento è dura e si stringe il cuore!
    Un saluto e un augurio a voi di buon 2007

    28 dicembre 2006
  52. una mamma

    Cara Evelyn, se ti può essere anche solo in piccola parte d’aiuto, vedi dai commenti delle altre mamme che non sei l’unica in questa situazione. Chi prima e chi dopo, ci passiamo o ci siamo passate tutte. Non so se gli stanno passando, so solo che tra poco tempo ricorderai questi mesi come dei momenti difficili, ma nonostante l’insonnia che ti perseguita non vorrai cancellarli, perchè fa tutto parte dell’essere mamma! Probabilmente il fatto che tu non sia tranquilla non mette a suo agio neppure Filippo, pensa positivo e vedrai che lui sentirà che “hai la situazione sotto controllo” (vale fingere!)e tutto andrà meglio. In bocca al lupo. Una mamma

    1 dicembre 2006
  53. evelyn

    sono mamma di filippo ormai da 3 mesi e le coliche non ci hanno mai abbandonati nè di giorno nè notte, lui è come un orologio svizzero alle 3:45 inizia lo show, prima piangeva come un matto ora invece non piange più da 10 giorni ma si sveglia ugualmente alla stessa ora e si piega tutto fino alle 6:30 finchè non mangia, si calma un pò e poi ricomincia e così per tutto il giorno. anch’io le ho provate tutte milicon alginol colimil tisane biberon apposta della mebby contro coliche e reflusso (perchè logicamente povera stella soffre pure di reflusso)ma nulla da fare. il fatto che non pianga più come prima significa che stanno per passare? aiuto lui è sempre agitato e non dorme mai nè di giorno nè di notte ed io non dormo più da 3 mesi!!!

    29 novembre 2006
  54. una mamma

    Spero che qualche altra mamma ti possa essere d’aiuto, però ti consiglierei di chiederlo direttamente al pediatra che mi sembra la fonte più attendibile! Magari ti potrà prescrivere qualcosa di più leggero, visto che intanto l’alginor non ha avuto grandi effetti, anche un medicinale omeopatico, così ti sembrerà meno un veleno. A presto. Una mamma

    28 novembre 2006
  55. FRANCESCA

    Sono una mamma disperata, mia figlia Laura ha appena 45 giorni di vita e sono oramai 2 settimana che ha coliche fortissime. Gli stiamo dando da 8 giorni l’Alginor (circa 35 – 40 goccie al giorno ) nonstante ciò i miglioramenti non sono stati così evidenti. Dato che è un farmaco secondo voi per quanto tempo posso somministrare questo “veleno” (ha un sapore sgradevolissimo !)?
    grazie

    28 novembre 2006
  56. serena

    Dopo la pioggia arriva il sereno,e’ propio vero!Nell’ultimo messaggio scritto ero propio disperata ma adesso sono gia’ 15 giorni che il mio Andrea sta’ molto meglio!Forse perche’ ha quasi 3 mesi e come mi disse il pediatra di solito in questo periodo le coliche spariscono o tendono gradualmente ad attenuarsi!
    Fatto sta’ che il mio bambino di solito dorme gia’ tutta la notte senza svegliarsi e il giorno e’ piu’ tranquillo!
    Ho voluto farvelo sapere x dirvi che purtroppo si e’difficile passare le giornate col bimbo che sta’ male,il tempo sembra non passare mai e diventiamo tutte nervose e “disperate”,ma poi piano-piano le cose vanno migliorando e guardando indietro sembra gia’ passato un secolo!Nonostante le crisi fossero molto forti posso dire pero’ di essere fortunata se davvero sono cessate gia’.Ci vuole un infinita pazienza ma adesso sono piu’ tranquilla io e lo e’ anche il mio piccino,non mi resta che continuare,giorno x giorno,ad imparare ad esser mamma
    x crescere il mio Andrea con tutto il bene che gli voglio,con la consapevolezza che i momenti da “panico” ci sono sempre quando si cresce un figlio ma che poi diventeranno solo ricordi a cui in futuro penseremo con nostalgia!UN BACIO A TUTTE,SERENA

    15 novembre 2006
  57. una mamma

    Ciao Marianna, purtroppo non conosco questa malattia. L’unica cosa che ti posso consigliare è di far visitare tua figlia da un altro pediatra, per sentire cosa ti consiglia! Poi fammi sapere. In bocca al lupo. Una mamma

    3 novembre 2006
  58. marianna

    sono veramente disperata!!!mia figlia ha 7 mesi e continua a soffrire di coliche.il pediatra ha provato a cambiarle il tipo di alimentazione…ma invano!!son preoccupata xchè ho sentito parlare di una malattia dovuta proprio alle coliche che si chiama psevolvolo gastrico.sarà mica quella???aspetto con ansia una vs. risposta

    2 novembre 2006
  59. Michela

    Mamma disperata all’appello!!! Ebbeni sì, anche mia figlia di 2 mesi e 10 gg soffre di queste coliche. Leggendo i vostri interventi mi sento un po’ più sollevata perchè mi rendo conto che è normale. Come tutti voi la cosa che più mi fa male è vederla soffrire e non poter far niente. Con mia figlia funziona tutto ciò che oscilla o fa comunque movimento, quindi macchina, marsupio, molto in braccio e carrozzina ma solo se il suolo presenta qualche disconnessione. Non vedo l’ora che le passino anche perchè è così bello vederla serena quelle poche volte che sta bene e vedere che riesce a fare dei gran sorrisi quando queste benedette coliche non si fanno vive mi fa sperare in tempi migliori. I rimedi sono quelli che ho letto da voi; anche noi usiamo sondini monouso, Mylicon, tisana di finocchio… ma soprattutto stiamo molto svegli!!!
    Auguri a tutti voi e ai vostri piccoli tesori.

    30 ottobre 2006
  60. ROBERTA

    CIAO SERENA,
    NON TI PREOCCUPARE, LE COLICHE D’ARIA SPARISCONO DA SE. MA TI CI VUOLE TANTA PAZIENZA. MIO FIGLIO MARCO FINO A 4 MESI NON HA MAI DORMITO UNA NOTTE E A VOLTE GLI HO DOVUTO FARE ANCHE 7 SONDINI AL GIORNO PER DARE UN PO’ DI SOLLIEVO…. IO USAVO ALGINOR IN GOCCE. E SONDINI IN CONTINUAZIONE. POI LO METTEVO NEL MARSUPIO E DOPO UN PO’ SI ADDORMENTAVA…. ORA A 10 MESI E STA BENISSIMO… APPARTE I DENTINI… NON DISPERARE… ANCH’IO CREDEVO CHE NON FINISSE…MA POI….UN ABBRACCIO E FORZA

    30 ottobre 2006
  61. serena

    MA E’ POSSIBILE CHE IL MIO BAMBINO STIA BENE SOLO 6 GIORNI SU 7?HO SENTITO IL PARERE DI TRE PEDIATRI E HO PROVATO PIU’DI UNA CURA:MILICON,FERMENTI,SONDINE,PRODOTTI OMEOPATICI,TISANE A BASE DI FINOCCHIO,MA NIENTE,NEPPURE METTERLO A PANCIA SOTTO SERVE GRANCHE’ QUANDO IL DOLORE E’ FORTE!VORREI PROVARE HUMANA DISANAL MA IL PEDIATRA DICE CHE PEGGIORERA’ LA SUA STITICHEZZA.DOBBIAMO QUINDI RASSEGNARCI A VEDERE IL NOSTRO PICCOLINO PATIRE COSI’ FINCHE’ QUESTE COLICHE NON CESSERANNO DA SOLE E CHISSA’ QUANDO?SONO DAVVERO DISPERATA E MI SEMBRA ASSURDO CHE NON CI SIA QUALCOSA X FARLO STARE MEGLIO!ANCHE LE SONDINE NON SONO EFFICACI E MI PARE CHE MOLTA ARIA NON FUORIESCA QUANDO GLIELE FACCIO,NE FA DI PIU’ X CONTO SUO!

    12 ottobre 2006
  62. una mamma

    Ciao Giulia, come avrai letto nell’articolo è normale! Le coliche iniziano dalle 2-3 settimane e finiscono verso i 3-4 mesi! Siete in piena regola! Resisti e consola il tuo bambino. Un abbraccio. Una mamma

    11 ottobre 2006
  63. Giulia

    Ho un bimbo, Nicolò, che ieri ha compiuto le 2 settimane di vita e che, a quanto pare, ieri sera ha avuto un attacco di colichette (piangeva e gridava come non l’ho mai sentito, anche perchè è un bambino sempre tranquillo!). Mio marito sostiene che appunto, erano le famigerate coliche a tormentarlo, ma non è troppo presto? addirittura allo scoccare esatto delle 2 settimane le coliche si sono presentate… mi sembra strano! Baci, Giulia’85

    7 ottobre 2006
  64. serena

    il mio Andrea(1)mese e qualche giorno soffre gia di queste coliche!E’ tremendo x me vederlo soffrire e non poter far molto!Mi consolo sperando che tra un paio di mesi passino da sole perche’ e’ gia’ stato duro il dover accettare il fatto di non poterlo allattare al seno che mi viene da pensare sia propio questa la causa.Il latte artificiale sicuramente sara’ piu’ duro da digerire e il suo pediatra dice che cambiare tipo di latte non servirebbe a niente,eppure molte mamme che hanno gia affrontato questo problema dicono il contrario.

    3 ottobre 2006
  65. una mamma

    Ciao Rosa,
    in bocca al lupo per il secondo bambino! Stai tranquilla, anch’io ho fatto il cesareo e se sei nelle mani di una équipe medica di cui ti fidi non ci sarà nessun problema. Anche la mia bimba ha avuto le coliche, ma come dici tu è una situazione superabile! Al momento si sta male più che altro per i bimbi che sono tanto sofferenti e non si riesce a fare molto per aiutarli, però è un fastidio passeggero!
    Fammi sapere com’è andata!
    Baci.

    Una mamma

    11 settembre 2006
  66. rosa

    sono mamma di un bimbo di nome flavio,che fra qualche giorno compira 4 anni.anche lui ha sofferto di coliche per 6 mesi,poi tutto e passato.oggi sono incinta di 8 mesi,e ho una paura tremenda.faro il cesario ma la cosa che piu mi spaventa sono le coliche.speriamo vada tutto bene

    10 settembre 2006
  67. una mamma

    Caro Piero,

    cosa dice il pediatra riguardo questa situazione?

    Quello che posso dirti è che potrebbe essere tutto collegato (coliche, stipsi, nervoso, mal di pancia), magari anche a causa dell’inizio delle elementari: cambiamento che può aver “stessato” tuo figlio.

    La stipsi richiede: assunzione di fibre con la dieta (succhi e frullati di frutta, legumi, passati di verdure) ed attività fisica. Magari quest’ultima potrebbe far “scaricare” il tuo bambino, diminuendo il suo nervosismo e, di conseguenza, anche i mal di pancia.

    Più che nervoso, potrebbe anche soltanto essere un bambino sensibile che somatizza le situazioni ansiogene con il mal di pancia. Pensa che, per farti un altro esempio, i neonati che rigurgitano quando crescono spesso reagiscono ai momenti di stress con il vomito!

    Insomma, ognuno ha il proprio “tallone di Achille”!

    Ti consiglio comunque di parlarne con un pediatra, anche se spero di esserti stata in qualche modo di aiuto!. Un abbraccio.
    Una mamma

    28 agosto 2006
  68. PIERO

    mio figlio le ha avute per quasi un anno le coliche ogni tanto adesso che ha 6 anni ha ancora dei mal di pancia soffre ancora di stipsi e ha un carattere un po nervoso puo dipendere dai problemi che ha avuto con il mal di pancia grazie PIERO UM PAPà

    27 agosto 2006
  69. cri

    Anch’io ho passato i primi 2-3 mesi con le colichette di Alice. O almeno penso siano state quelle, dato che lei piangeva e si contorceva dopo ogni poppata… almeno, fossero arrivate solo la sera!
    Io le davo delle gocce omeopatiche (Kolikind) che nel mi caso sono servite a poco.
    Comunque dopo passano,e anzi, ho sentito dire che i bimbi che ne hanno sofferto poi diventano più bravi.
    Baci cri+alice22mesi

    30 giugno 2006

(©) 2006 - 2017 UnaMamma.it - Riproduzione Riservata

css.php