La scelta della scuola elementare

6

Sembra lontano, ma subito dopo Natale si inizia a pensare a che scuola elementare manderemo i nostri figli.

Ebbene si, che momento, oggi all’asilo e domani alle elementari! Ci si sente vecchi e pieni di dubbi: la scuola è molto cambiata da quando ci andavamo noi e non credo che i miei genitori si facessero molti problemi all’epoca; sarà la nostra generazione che ha più timori ed è più insicura rispetto a quelle precedenti?

Fondamentale è il giro delle scuole a “porte aperte” che presentano i locali, le attività e soprattutto il metodo educativo ed il piano formativo. Ognuna è diversa dall’altra: c’è chi fa mettere ancora il grembiule e chi no, chi ha addirittura una divisa della scuola, chi separa i maschi dalle femmine durante la ricreazione, chi ha i bagni in comune e chi no.

Ma la decisione più difficile è: scuola pubblica, scuola parificata o scuola privata?

La maggior parte dei genitori teme il bullismo e la delinquenza all’interno della scuola, visto che ne leggiamo ogni giorno sui quotidiani, ma io credo (e spero) che sia più che altro un fenomeno delle scuole medie, voglio illudermi che alle elementari i bambini siano ancora “innocenti da quel punto di vista! Per le mie figlie ho scelto la scuola pubblica e mi sono trovata abbastanza bene.

Secondo voi è giusto crescere dei bambini, maschi o femmine che siano, “sotto una campana di vetro, nascondendo loro la realtà, le differenze etniche, le disparità sociali? Mandarli in una scuola privata dal nido in avanti? Oppure pensate che si debbano “fare le ossa” e forgiare il carattere fin da piccoli?

Fatemi sapere il vostro parere, la vostra esperienza e tanti consigli!

6 Commenti

  1. Io sono per la scuola pubblica. Prepara meglio i bambini
    sia da un punto di vista didattico (compiti a casa) sia
    perché è una realtà meno edulcorata della privata.
    Come nella vita c’è un po’ di tutto. E la scuola elementare
    deve essere prima di tutto maestra di vita.

    Alle mamme consiglio in ogni caso, di informarsi sugli
    insegnanti. La scuola è fatta dalle persone.
    Sull’intonaco scrostato si può soprassedere, sui
    cattivi maestri no!

  2. Effettivamente, cara Sabina, anch’io ho scelto la scuola pubblica semplicemente perchè sapevo che i maestri erano ottimi e quindi è stato facile fare 2+2… Ora però mi sono scontrata con i 1000 problemi che la nostra scuola italiana sta passando, grazie alla famigerata legge Gelmini (http://www.unamamma.it/2008/10/21/decreto-gelmini-un-colpo-al-cuore-alleducazione-dei-nostri-figli/trackback/), meravigliandomi ogni giorno ancora, come tra innumerevoli difficoltà, le ns. insegnanti riescano a dare in modo continuativo un servizio ed una didattica ineccepibile ai miei figli!

  3. sono una mamma che vive temporaneamente all’estero ma
    dopo l’estate andremo a roma. non ho nessun contatto per
    scegliere la scuola elementare e materna per le due bimbe.
    qualche esperienza per scuola in zona via trionfale monte
    mario? ho trovato un articolo di giornale che dice
    che la nazario sauro ha una pessima mensa.
    grazie
    Jenny

  4. Volete un consiglio da chi ha esperienza sia di modulo che di tempo pieno? Io vi dico MODULOOOOO e’ meno stressante per i bimbi ,li puoi seguire con l’alimentazione (mangiano a scuola solo 2 giorni). Possono fare attivita’ extrascolastica tipo: danza, sci calcetto ecc. Cosa importantissima sono meno stressati. Ho una bimba a modulo e una e’ stata a tempo prolungato, quindi vi parlo per esperienza personale.

    • Questa risposta mi interessa molto, io infatti dovrò scegliere tra tempo pieno e tempo a modulo e sono davvero indecisa.
      Mia figlia ha fatto nido e materna a tempo pieno fino alle 16.30 ma alle elementari è tutto diverso, vorrei seguirla io nello studio, indirizzarla viste le condizioni in cui versa la scuola italiana…, altrimenti la perderei completamente di vista e delegare tutto alla scuola non me la sento, non mi fido.
      Fortunatamente io sono casalinga e posso permettermi di andarla a prendere all’una, farla mangiare a casa e farle fare i compiti.
      Non so se sbaglio, se le mie preoccupazioni sono eccessive…. accetto confronti e opinioni. Grazie.

  5. Luana, benvenuta! Io mi sono trovata molto bene con il tempo pieno, ma che sia sempre di qualità, però! Con la riforma Gelmini infatti il tempo pieno ha perso in molte scuole i suoi punti di forza. Prima quindi di scegliere, informati presso la scuola dove andrai ad iscrivere la tua bimba su come gestiscono sia il tempo pieno che il modulo. Magari senti altre mamme che mandano i figli nello stessa struttura scolastica. Noi mamme sappiamo essere molto utili a volte per le decisioni importanti! In bocca al lupo! Ciaooo

Rispondi a Unamammabis Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here