Le regole del “giusto” regalo di Natale

5

Caro Babbo Natale,

premetto che questa non è una delle letterine di richiesta regali, ma è un’informativa a tuo beneficio per aggiornarti di alcuni cambiamenti sulle tradizionali policy relative alla presa in carico dei regali di Natale che solitamente consegni anche a casa nostra.

Non è che non si vogliano più regali, per carità! Ma da quest’anno si cambia e ci comportiamo come le compagnie aeree low cost! Adesso ti spiego: sai com’è… gli impatti della crisi economica si fanno sentire anche da queste parti e non possiamo non constatare che, nonostante i mutui bassi e la crisi immobiliare, di cambiare casa andando ad aumentare il numero di metri quadri disponibili non se ne parla.

Detto questo, l’invasione dei giocattoli sta rendendo la situazione insostenibile. Quando ci svegliamo alla mattina per aprire le imposte della cameretta delle pupe dobbiamo fare lo slalom tra cucine in miniatura, renne a dondolo, passeggini, calciobalilla, pianola, cestone pieno di carabattole ed altre innumerevoli scatole…

Lo sviluppo verticale di mobili, pensili e mensole ha raggiunto la saturazione dei muri disponibili accogliendo una vera e propria invasione di branchi di peluche di tutte le razze e micro metropoli di case, casette, fortini, automobiline, bus  che hanno preso posizione in una sorta di coloratissimo Tetris verticale.

Sia chiaro che non sei il solo responsabile di tutto ciò, anche se ce ne metti del tuo ogni anno, ma anche zie, nonni, amici in una bella “associazione a delinquere”. In più questi ultimi sono i più fetenti e sadici,  consapevolmente e dichiaratamente alla continua ricerca del gioco cinese più economico ed ingombrante alimentando una faida di liberalità che non conosce tregua.

In tutto questo non si capisce come mai siamo sempre senza vestiti delle misura giuste, ogni tre per due salta fuori da comprare qualcosa: dalle calzette, al corso di nuoto!

Non pensare poi che teniamo tutto. Ma figurati … periodicamente smaltiamo sacconi di giochi per le chiese e per quei bimbi dove, forse per problemi di traffico, a Natale non riesci a passare (… tranquillo, a qualcuno ci pensiamo noi).

Oramai ti sarai chiesto che c’entra tutto ciò con i volo low cost. Eccoci! Allora da quest’anno le regole del gioco non sono le solite della tradizione, bensì queste:

1)        Dimensione del pacco: al check in nei pressi del camino troverai un’apposita sagoma di ferro per verificare l’adeguatezza della dimensione del pacco agli standard dimensionali previsti. Più grosso di quella dimensione il regalo non passa. Punto.

2)        Scansione del contenuto del collo: le cose identificate come utili da una rapida scansione a scuotimento pacco passano il controllo, ma per i giochi c’è un sovrapprezzo (rif. Punto 4)

3)        Peso del collo: va bene se trattasi di un regalo non ludico ma utile, se no c’è un sovrapprezzo (rif. Punto 4)

4)        Liquidi: su quelli in ogni valuta e taglio non ti fare problemi, li facciamo passare tutti in barba alla sicurezza

5)        Animali ed alimenti: sui primi non ti ci azzardare nemmeno. Per quanto riguarda i secondi, diciamo che se ci porti che giù un pò di salmone che sia meno di cartone di quello che arriva sul nostro tavolo chiudiamo un occhio (sempre in barba alla linea guida della sicurezza)

Un bel buono per un corso di nuoto, di danza, di sci, magari accompagnato da qualche sacchettino di elastici a forma di coccodrillo, delfino o caribù, oppure da qualche piiiiiccolo giochino farà felice mamma, papà e le bambine.

Quindi sappi che il 24, alla vigilia, mi troverai di fronte a casa, sorridente ma spietato come una hostess al check-in che ti dice “Sono 35 € di sovrapprezzo, cosa fa li paga o lascia qui il contenuto del pacco?”

Certi che capirai … buon Natale!

Un papà

P.S. Se decidi di pagare i sovrapprezzi noi siamo ben contenti, vedi mai che dopo un po’ si cambia casa.

P.P.S . Se hai letto questa e non sei Babbo Natale fai del bene e girala anche ai tuoi amici con bimbi, in modo che possano usarla per avere tutti un Natale più spazioso!

P.P.S. Qui in allegato si può trovare la letterina da inviare per e.mail a chi volete: Natale 2010 Regole Low Cost

5 Commenti

  1. BELLISSIMOOO!!! Sono piegata in due dalle risate!!! Troppo carino…ma anche drammaticamente vero!!! Sono d’accordo soprattutto sul discorso “dimensioni” e “utilità”: chissà perchè esiste questo strano rapporto inversamente proporzionale per cui i regali più sono grandi…meno sono utili!!! Abbasso i mega-pacchi made in China e viva viva viva i buoni di qualsiasi natura, vestiti e soprattutto…libri e librini!

  2. Leggo solo ora…..questo post è veramente bello! Hai avuto un’idea originalissima e sono convinta che Babbo Natale non vorrà pagare nessun sovrapprezzo e si adegurà di buon grado alle nuove regole!!!
    FIRMATO: Una regalatrice di cucine di marca in miniatura (quando ci vuole ci vuole!!! Ogni cosa a suo tempo….)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here