Home RAGAZZI Adolescenza Diciassette liceali concepiscono insieme per non restare sole

Diciassette liceali concepiscono insieme per non restare sole

185
4

Oggi ho letto questa notizia su La Stampa e sono rimasta a bocca aperta! Nel liceo di Gloucester, poco a Nord di Boston, 17 ragazze hanno deciso assieme di avere dei figli siglando un patto che il preside Joseph Sullivan riassume così: «Vogliono crescere assieme i figli restando amiche per tutta la vita».

Praticamente una situazione che ricorda molto il film «Juno», dove una giovane adolescente decide di avere il figlio frutto di un rapporto occasionale con il compagno di banco, anche se, in questo caso, lei poi deciderà di darlo in adozione.

Queste ragazze hanno attirato curiosità, gossip e analisi sociologiche su chi sono e perché lo hanno fatto: si tratta di liceali tutte non più grandi di 16 anni e la sigla del patto segreto deve risalire all´inizio di autunno perché a inizio ottobre si presentarono per la prima volta in massa ad acquistare test di gravidanza nelle farmacie della Essex County. Sono state spinte dal «desiderio di amare ed essere amati incondizionatamente» in un luogo dove a prevalere sono povertà, disagio e solitudine.

Sono stati proprio i genitori a favorire il fenomeno di massa quando, durante la scorsa estate, il comitato scolastico votò a grande maggioranza contro la distribuzione di contraccettivi nelle aule nel rispetto di valori cattolici molto radicati. Poiché le farmacie che li vendono distano molti chilometri dalla scuola, e per raggiungerle serve il treno o l´auto, ciò significa non avere preservativi e pillole a portata di mano.

Fra qualche settimana con il nuovo voto l´esito potrebbe essere differente ma oramai la tendenza ad «avere un figlio per non restare sole» difficilmente potrà essere frenata dalla distribuzione di profilattici e pillole anticoncezionali!

Voi cosa ne pensate??

4 COMMENTS

  1. Come volevasi dimostrare, quel film è stato davvero educativo… -__-” Comunque le capisco poverette, il paesino dove vivono versa in uno stato di degrado sociale e crisi economica. Speriamo che almeno insieme ce la facciano!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here