Home RAGAZZI Adolescenza In cosa consiste l’esame di terza media 2016

In cosa consiste l’esame di terza media 2016

528
0

Secondo voi bisognerebbe ripristinare gli esami di 5 elementare? Perchè i quattordicenni arrivano in terza media e non sono pronti ad affrontare lo stress dell’esame. Le prove Invalsi (a tempo), oltretutto, non aiutano. Magari essere messi alla prova con più frequenza farebbe bene!

Ma vediamo in cosa consiste l’esame di terza media?

DATE

L’esame di terza media 2016 si svolgerà intorno alla metà di giugno ed ogni scuola deciderà autonomamente i giorni in cui si svolgeranno le prove. L’unica data ufficiale, uguale per tutto il territorio nazionale, è quella delle prove invalsi, che si terranno il 17 giugno alle ore 8.30.

PROVE SCRITTE

Si inizia con la prova di italiano, il martedì con la prova di matematica, il mercoledì con la prova della seconda lingua, il giovedì con quella di inglese ed il venerdì le temute Invalsi, che in teoria i professori dicono che non facciano media.

PROVA DI ITALIANO

La prova di italiano consisterà nello svolgimento di un tema e lo studente potrà scegliere tra 3 tipologie di traccia proposte:

1. Lettera ad un amico, pagina di diario, testo espressivo: sono 3 tipologie di traccia differenti, ma vengono accomunate dal fatto che lo studente può esprimere liberamente le proprie sensazioni e i propri pensieri. Tuttavia, fate attenzione a rispettare le regole di ogni tipologia di traccia, in particolare la lettera e il diario, che devono assumere strutture ben precise.

2. Tema di attualità: si tratta di argomentare una tematica proposta nella traccia, sostenendo la propria tesi, confutando le altre e giungendo infine ad una conclusione.

3. Relazione su una gita, laboratorio o libro: allo studente verrà chiesto di scrivere una relazione su una gita, visita guidata o libro, oppure ci sarà una traccia di attualità riguardante una tematica generale.

La prova dura 4 ore.

PROVA DI MATEMATICA

Gli studenti avranno a disposizione 3 ore per svolgere il compito, costituito da 4 quesiti su:

geometria solida
scienze, tecnologia, fisica
algebra
geometria analitica o probabilità

PROVA DI INGLESE

Un’altra prova scritta degli esami di terza media è la prova di lingue, che può avvenire in due giorni se la classe ha studiato due lingue e la scuola decide di esaminare entrambe. L’esame dura 3 ore e può riguardare:

comprensione di un brano
dialogo
lettera
riassunto

L’insegnante sceglierà solo due tra queste tipologie di traccia, tra cui poi lo studente sceglierà quella da svolgere durante l’esame.

PROVE INVALSI

L’ultima prova scritta dell’Esame sarà costituita dalle prove invalsi, che si svolgeranno il 17 giugno. La prova ha una durata totale di 2 ore e 30 minuti, con una pausa di 15 minuti tra la prova invalsi di italiano e la prova invalsi di matematica.

La prova invalsi di italiano valuta le competenze nella lingua italiana. Comprensione di due brani con relative domande e 10 domande di grammatica italiana.
La prova invalsi di matematica invece comprende quesiti di geometria, algebra, matematica e analisi dei dati. Le domande sono a risposta multipla con 4 opzioni di risposta e a risposta aperta, in cui bisogna descrivere il procedimento logico utilizzato per giungere alla soluzione.

PROVA ORALE

Dopo qualche giorno dal termine delle prove scritte, gli studenti di terza media dovranno sostenere la prova orale. Si partirà dalla tesina e da lì gli insegnanti faranno domande sul programma studiato nel corso dell’anno. Non bisogna dimenticare poi tutti i lavori effettuati durante l’anno, come i disegni di educazione artistica e educazione tecnica, poiché serviranno poi per la valutazione finale in tutte le materie.

TESINA

L’argomento è a scelta e la prova orale inizierà dalla sua esposizione. Fondamentale saper collegare le varie materie scolastiche, per esempio scrivere al centro di un foglio il titolo e poi collegarlo con le altre discipline. In rete si possono trovare tanti esempi.

Per chi è ancora ai primi anni della Scuola Secondaria, sappiate che (per fortuna) non si danno i debiti come alle Superiori. Alla fine dell’anno, per non mettere l’insufficienza in pagella, si dà il “6”, ma dietro la scheda di valutazione stessa si scrive un giudizio dove si consiglia il ripasso della materia in questione durante l’estate. Senza nessun esame a settembre, come avviene invece per le scuole superiori.

Inoltre, i genitori riceveranno la lettera dalla scuola in cui si informa che il proprio figlio non ha in quella materia una sufficienza piena e che dovrà fare degli esami idonei di recupero personale, durante le vacanze. Ovviamente, il tutto sarà poi verificato all’inizio dell’anno scolastico.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here