Home BIMBI I social network aiutano durante la ricerca della gravidanza ed in maternità?

I social network aiutano durante la ricerca della gravidanza ed in maternità?

220
2

Ho chiesto alle mamme che ci seguono da anni di raccontare la loro ricerca della gravidanza ed il rapporto che hanno avuto in quel periodo con i social network. Ecco l’esperienza di Claudia, che in passato ci aveva già descritto la sua storia sfortunata in sala parto.

“Improvvisamente, quando tutto sembra bastarti e senti di essere arrivata, ecco che suona un “tic tac” nella tua testa che non riesci proprio ad ignorare. E’ il famoso orologio biologico che ti chiede di diventare mamma: le informazioni filtrano dal cervello e nella tua testa senti il desiderio di un figlio.

E’ una sensazione che non puoi far finta di non sentire, ogni momento libero da impegni viene irrorato da quel pensiero e non ne esci piu’.

Dopo un consulto con mio marito, spiegando bene le mie sensazioni e la mia voglia di essere madre, decidiamo che il famoso momento è arrivato. Quindi, appesi al chiodo mute da sub, pinne, maschera, moto e zainetti per i viaggi intercontinentali a piedi e rigorosamente “fai da te” decidiamo di arrivare al dunque.

Chissa’ perche’, come tutte le cose che faccio io, voglio tutto e subito e il metodo per fare un figlio è talmente semplice ed universale che penso, in cuor mio, che il mese successivo avrei alzato la provetta del test al cielo urlando di gioia. Invece no. Settembre 2008 niente……ottobre 2008 niente…..uffa.

Comincia la mia ricerca di consolazione sul web e, digitando sul piu’ grande portale la frase ” sintomi di gravidanza”, vengo indirizzata su www.unamamma.it.

Con mia grande sorpresa, oltre a non sentirmi l’unica “cretina” che non riesce a rimanere incinta, ho cominciato a comunicare con Giuliana e Gabriella (unamamma e unamammabis) che non si sono dimostrate fredde comunicatrici da provider, ma sono state da subito attente alle mie richieste e diponibili allo scambio di opinioni (cosa non frequente nell’epoca telematica nella quale viviamo). Ho conosciuto altre ragazze col mio stesso problema e abbiamo creato un bel gruppetto di “amiche di mouse“.

Andando avanti nella mia ricerca passa anche novembre 2008 senza risultati, quando, a dicembre 2008, improvvisamente il mio test ed io ci illuminiamo d’immenso, SONO INCINTA.

Presa da ogni spasmo di gioia condivido subito la mia felicita’ con tutto il forum e con parenti ed amici. Ma la mia gioia dura solo 10 settimane, poi in emorragia me ne vado mesta in ospedale per un aborto spontaneo e successivo raschiamento.

Psicologicamente a terra e completamente demoralizzata decido di rispettare il periodo di pausa clinico consigliatami anche dalla mia ginecologa e faccio passare l’estate. A settembre 2009 ci riprovo…niente.

Ad ottobre test positivo, ma dopo due giorni arrivano le rosse, catalogato come aborto bianco e vado avanti 🙁 A novembre una calda luce di speranza si riaccende tra le mie mura di casa…..SONO DI NUOVO INCINTA!!!!

Le uniche persone con cui ho condiviso la notizia sono state le ragazze del forum e mio marito. Mi sono sentita consolare, abbracciare, mi hanno dato tutte la carica, anche se solo virtualmente e finalmente il 21 luglio 2010 sono diventata mamma di Andrea, un bellissimo maschietto che oggi ha appena compiuto un anno ed è la gioia della mia vita.

Non che mi dia molto tempo per poter stare al pc con le mie amiche, ma almeno riesco a leggere spesso tutti i post anche se non riesco a rispondere sempre. Ho approfittato infatti di un momento di pisolino tranquillo del pupo per potervi raccontare la mia storia 🙂

Non vi dico infine la gioia quando, dopo un mese che Andrea era nato, di ricevere sul mio telefonino la chiamata di Giuliana/UnaMamma che, tornando a Torino dalla Puglia, aveva fatto sosta nella mia citta’ per pranzo. La felicita’ di incontrarci solo per qualche minuto e abbracciarci per una volta DAVVERO è stata una soddisfazione che non ha avuto pari, un ricordo nella mia mente a chiusura di un cerchio perfetto che è stato l’avverarsi di un sogno, il completamento della mia famiglia.

Vi voglio bene

Claudia (Arwen)”

Grazie Claudia per il tuo racconto, a pensare al momento in cui ci siamo incontrate mi vengono ancora i brividi!

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here